Per essere sempre più competitivi sul mercato, l’irrigazione richiede la determinazione di quando, quanto e dove irrigare. Questi problemi sono difficili da risolvere se non ci si avvale di tecnologie che aiutino a comprendere le relazioni tra pianta, suolo e acqua. Si deve creare un’irrigazione smart!

La conoscenza approfondita dell’appezzamento permette inoltre di ottimizzare il posizionamento di sonde di umidità per la gestione razionale di tempi e volumi irrigui.

Ai nostri impianti d’irrigazione si può aggiungere il VRI (Variable Rate Irrigation) che è il sistema di controllo ideale per campi con diverse tipografie e tipi di terreno. Ci sono di due tipologie:

  • Variable speed control: che varia la pluviometria modificando la velocità di movimento. Nel caso di un pivot questa variazione di velocità consente differenziare la piovosità su spicchi, cioè settori circolari. Al interno di un settore, comunque, l’intensità di applicazione rimani uniforme e la variabilità dell’irrigazione è realizzabile per zone piuttosto ampie e, quindi con una bassa risoluzione spaziale.
  • Variable zone control: che accoppia la velocità al controllo indipendente di sezione, garantendo la suddivisone dell’impianto in sezioni gestibili in maniera autonoma. Il controllo delle zone non regola solamente la piovosità tra i settori, ma anche all’interno di questi, lungo le campate del pivot, grazie a un sistema on/off degli irrigatori.

Il sistema VRI permette di gestire più colture, variando o non applicando l’acqua a seconda delle specifiche esigenze colturali, consentendo una migliore infiltrazione e limitando le perdite per ruscellamento.

Inoltre non solo da la possibilità di irrigare più colture con diverse esigenze irrigue e di non irrigare zone dell’appezzamento non produttive e/o con tare aziendale in modo contemporaneo.

Per questo è così importante  avere una irrigazione smart!

vri-product-panel

Consulti il nostro servizio tecnico per maggiore informazione.News